Teutra

Recupero Penalizzazioni Google

Il tuo sito ha subito un importante e improvviso calo di visite? Effettuiamo le opportune verifiche e saniamo la situazione.

Home » Consulenza SEO » Recupero Penalizzazioni Google

 

Nel nostro quotidiano ci troviamo a fronteggiare problematiche come quella riguardante il recupero penalizzazioni inferte da Google. Esistono casistiche più o meno isolate, dove il cliente segnala un improvviso e inaspettato calo di visite, un evento particolarmente fastidioso e dannoso, soprattutto per chi gestisce attività economiche come ad esempio un ecommerce e attività locali

Un brusco calo del traffico sul sito web porta automaticamente a una perdita di potenziali acquirenti. Scenari del genere sono all’ordine del giorno, spesso legati ai cambiamenti negli algoritmi dei motori di ricerca e a tecniche poco lecite usate per posizionarsi nelle prime pagine di Google. Questa ipotesi è stata verificata negli anni passati a seguito dell’introduzione degli algoritmi denominati Penguin e Panda dal gigante di Mountain View

L’introduzione di questi due algoritmi pur creando scompiglio all’interno della comunità web, offre l’opportunità di ridefinire completamente quelle strategie SEO obsolete e allineare il sito aziendale alle direttive dei motori di ricerca. Il vostro sito web subisce una penalizzazione da parte di Google? Allora qualcosa non va. Come detto vi sono alcuni scenari che hanno funzionato per anni ma che occorre ormai evitare a tutti i costi, scopriamo quali:

  • Contenuti duplicati. La pratica di copiare articoli o comunque testi da altri siti web, molto praticata sino a poco tempo fa, induce l’algoritmo di Google a pensare che la qualità del vostro sito sia bassa. Evitare assolutamente di compiere questo errore.
  • Contenuti di scarsa qualità. Non raccogliete contenuti da fonti di dubbia provenienza. Quindi, se vorrete davvero offrire un aiuto alla comunità web e divenire un punto di riferimento, i vostri contenuti non solo dovranno essere veritieri, ma anche di ottima qualità.
  • Backlinks nocivi. Sappiamo fin troppo bene che il backlinks rappresenta un voto, una raccomandazione. Quando qualcuno inserisce un link alla tua pagina, Google apprezzerà questa azione. Attenzione a non strafare. Troppi link in poco tempo destano sospetti. Altra cosa da evitare sono i link di bassa qualità provenienti magari da siti web non a tema con gli argomenti della tua attività. Evita anche i siti che fanno dello spam il loro vero punto di forza.

 

Sanare la situazione: le tempistiche

 

Sono anni che studiamo strategie e soluzioni ad hoc per risolvere queste situazioni. Ovviamente bisogna tenere ben a mente che recuperare una penalizzazione di Google può essere un’operazione lunga e complessa.

Per questo motivo una buona consulenza parte sempre da una analisi iniziale. Le penalizzazioni che siano state causate da Penguin oppure da Panda o da altri algoritmi più recenti, non sono sempre uguali. Ci sono situazioni in cui il problema è rappresentato da contenuti di bassa qualità.

In casi come questo, non basterà migliorarli singolarmente, ma sarà necessario andare a creare un piano editoriale con l’obiettivo di aggiungere qualità ai contenuti già presenti. Le tempistiche variano, inoltre, anche in base al numero di pagine di un sito web.

Al crescere del numero delle pagine aumenteranno il tempo e le risorse necessarie per arginare il problema. Altro aspetto da tenere ben a mente è chiaramente quello legato alle stesse tempistiche previste da Google. L’algoritmo deve avere il tempo di analizzare nuovamente i contenuti, rivalutandoli per il loro valore effettivo, tenendo conto di tutte le migliorie che abbiamo apportato.

Le penalizzazioni inflitte dai motori di ricerca colpiscono siti che molto spesso inconsciamente violano le regole da loro stessi dettate. Un classico esempio è quello degli ecommerce.

Immaginiamo un ecommerce di abbigliamento. Supponiamo che per ogni prodotto vengano impostate pagine diverse che si differenziano per colore. Per centinaia di prodotti otterremo in questo caso tantissime pagine simili che Google vede come duplicate.

PERCHÈ ASPETTARE? CHIAMA ADESSO IL
339 772 9669 OPPURE COMPILA IL MODULO DI CONTATTO

Modulo di contatto

3 + 10 =

info@teutra.it - 339 772 9669