Home » SEO » Seo Hero: la SEO per la ricerca semantica, teoria ed esempi

 

SEO Hero è uno strumento online, totalmente gratuito, che ti permette di creare una efficace strategia di contenuti scoprendo le relazioni semantiche del topic, o parola chiave, della tua pagina.

Lo sviluppatore, Walid Gabteni, si è concentrato sulla sostanza più che sulla forma: lo strumento è gratuito anche se in beta test, da parecchio tempo ormai.

Per questo motivo puoi trovare qualche errore ma ti assicuro che questo non sminuisce il valore di questo progetto, unico nel suo genere almeno nel panorama italiano.

È possibile impostare il database di Google.it e la lingua Italiana per scovare le relazioni tra le parole, cosa non del tutto comune.

Puoi trovare Seo Hero a questo indirizzo web.

 

 

Seo Hero e l’analisi semantica

 

“La semantica (dal greco sêma, “segno”) è quella parte della linguistica che studia il significato delle parole (semantica lessicale), degli insiemi delle singole lettere (negli e degli alfabeti antichi) e delle frasi (semantica frasale) e dei testi.”. Fonte Wikipedia

Sappiamo che con l’evoluzione degli algoritmi di Google e con l’avvento della semantica, delle entità definite in schema.org e dello sviluppo delle interrogazioni ‘vocali‘, l’interesse di Google è quello di capire l’argomento di una pagina dalle relazioni tra i termini piuttosto che da quale parola viene usata più volte.

Per ottimizzare i contenuti dobbiamo concentrarci non solo su una parola chiave, un topic, ma soprattutto sui termini a esso collegati. Ti faccio un esempio.

Se volessi ottimizzare una pagina web per l’argomento ‘seo semantica‘, il motore di ricerca si aspetterebbe di trovare anche alcuni tra i termini correlati come, ad esempio, ‘motori di ricerca‘, ‘web semantico‘, ‘dati strutturati‘, ‘intento di ricerca‘ e cosi’ via.

In breve SEO Hero partendo da una parola chiave, analizza i contenuti delle prime 100 pagine classificate per quella keyword ed estrae i termini correlati con vari parametri che ci aiutano a capire quanto i singoli termini siano legati alla parola chiave di ricerca.

Un caso pratico ti aiuterà a capire meglio. 

 

Seo Hero e le entità

 

Inseriamo la chiave di ricerca, selezioniamo il database di Google nella lingua che ci interessa e diamo invio.

Nell’esempio ho effettuato una ricerca su Google.it per la keyword ‘seo semantica‘.

 

seo hero free

Seo Hero si mette immediatamente al lavoro e dopo un paio di minuti di attesa per il completamento della ricerca, cioè fino a quando la barra verde che rappresenta la progressione non è completa, otteniamo come risultato una videata simile a quella in qui sopra.

La pagina è divisa in due sezioni: a sinistra le parole singole (ma non sempre) e sulla sezione di destra le frasi da due o più parole. In entrambe le sezioni, sono presenti diverse colonne che ti spiegherò nel dettaglio.

Partiamo dalla sezione di destra.

  • DF (document frequency): Se osserviamo il DF della parola ‘motori di ricerca‘ notiamo un valore del 35%. Possiamo dedurne che tra le prime 100 pagine che si piazzano per la parola chiave ‘seo semantica‘ sulla pagina dei risultati delle ricerche, il 35% di queste contiene anche la parola ‘motori di ricerca‘. 
  • W (words): Se rimaniamo nell’ambito della parola ‘motori di ricerca‘ sappiamo le pagine che contengono sia la parola ‘seo semantica‘ che ‘motori di ricerca‘ hanno un testo lungo, in media, di 1042 parole.
  • Occur (occurency):  Tra le prime 100 pagine per la chiave ‘seo semantica‘ e nel 35% dei casi in cui è anche contenuta la parola ‘motori di ricerca‘, si è riscontrata una media di 2,3 ripetizioni di quest’ultima.
  • TF (term frequency): è la densità cioè il rapporto tra la frequenza nel testo della parola ‘motori di ricerca‘ rispetto alla lunghezza del testo stesso in termini di numero complessivo di parole.
  • html: per questa opzione, c’e’ una lente d’ingrandimento che ci porta alla sezione HTML insight che vedremo dopo.
  • Txt: in questa colonna, quella con il simbolo di un occhio, possiamo vedere dei suggerimenti, delle vere e proprie frasi estrapolate tra le prime 100 pagine, che contengono la chiave di riferimento ‘motori di ricerca‘. In pratica la colonna mostra come è stata usata ‘motori di ricerca‘ nelle prime 100 pagine per la ricerca ‘seo semantica‘. 
  • LT: cliccando su questa colonna vedrete info sulle long tail.

HTML Insights

 

Come dicevo, la colonna html ci conduce a una nuova opzione presente anche nei tabs della videata: gli html insights.

Selezionando la lente d’ingrandimento in corrispondenza della riga che contiene ‘motori di ricerca‘ ci compare una nuova videata che ti mostro qui sotto.

 

htlm insights

 

In questa videata per la chiave ‘seo semantica‘ sono presenti le pagine che contengono anche la chiave ‘motori di ricerca‘.

Le colonne corrispondono ai tag html dunque vediamo unirsi ai dati già presenti nella videata principale informazioni sui tag  HTML come titl (title) desc (description), h1, h2, A (sono i link), B (bold), h3, h4, h5, h6, img (immagini), imga (link sulle immagini), li (elementi di lista), span (elementi di span).

 

html insights dettaglio

 

Detto questo e come ultimo esempio, guardiamo la videata che ci restituisce la pressione del tab ‘HTML Insights’. Questa volta le informazioni sono relative alla chiave di ricerca ‘seo semantica‘.

Che cosa ci dice questa videata? Quello che c’e’ da notare è come le prime pagine si posizionano utilizzando i tag html in maniera, a volte, molto differente.

Nota, ad esempio, il numero di parole nel testo o la presenza della chiave di ricerca nella pagina. Addirittura ci son pagine che si posizionano senza avere la parola chiave nella descrizione. In pratica questa videata è una lente d’ingrandimento sulla SEO onsite di come i concorrenti ottimizzano una determinata chiave di ricerca.

Concludendo questa breve presentazione che spero vi sia di stimolo per provare seo hero, trovo che sia un tool molto utile e che l’autore continui su questa strada migliorandolo sempre di più. Fatemi saper con i vostri commenti che cosa ne pensate. Alla prossima.