Perché bisogna evitare di avere collegamenti errati (link rotti)

 Un sito web che ha al suo interno link verso pagine non più esistenti (link rotti) può per questo motivo:

  • Perdere parte della base clienti esistente (gli utenti attuali reindirizzati verso pagine non più esistenti prima o poi si sentiranno abbastanza frustrati da non tornare più)
  • Generare problemi con l’acquisizione di nuovi clienti (a causa dei collegamenti ipertestuali errati le persone non troveranno cose / pagine che stanno cercando e a cui il tuo sito le ha indirizzate).
  • Danneggiare la tua reputazione online (la maggior parte dei clienti online considera i link rotti come dimostrazione di inaffidabilità del sito web)
  • Inoltre i link rotti hanno un impatto negativo sulle valutazioni del tuo sito web con i principali motori di ricerca come Google, Yahoo, Bing etc…

Differenze tra link interni ed esterni

Con la crescita di internet e dei suoi contenuti sta diventando sempre più difficile gestire le relazioni tra le singole pagine e tenere traccia dei collegamenti ipertestuali all’interno di un sito internet. Non esistono strumenti o servizi automatici che possano imporre il corretto rapporto tra le pagine, tenere traccia dei contenuti, rinominare le pagine web in buona sostanza, aggiornare le relazioni tra le singole pagine web.

Con il passare del tempo, alcuni collegamenti ipertestuali diventano obsoleti, stantii o più semplicemente morti. Questi collegamenti non portano più a risorse valide e i visitatori riceveranno il codice di errore 404 cioè ‘pagina non trovata’. Per quanto riguarda i link interni questa situazione è più controllabile.

La questione si può presentare quando modifichiamo l’URL, l’indirizzo web di una pagina esistente nel nostro sito. Per ovviare a questo problema è necessario ricordarsi di mettere in atto le opportune operazioni di re-indirizzamento delle pagine web. Prestate la massima attenzione su questo punto, in particolare se state migrando un sito web da un indirizzo ad un altro per non trovarvi con decine di pagine web con il codice di errore 404.

Con i link in uscita o link esterni la situazione è ancora peggiore: il sito web al quale si ci sta collegando può cambiare nome e posizione delle proprie pagine in qualsiasi momento senza preavviso. La pagina può essere cancellata, i server possono essere disattivati ​​(temporaneamente o per sempre) oppure i loro domini scadono o vengono venduti.

Purtroppo non si può avere alcun controllo su queste cose quindi l’unico rimedio è quello di eseguire regolarmente test sondando ogni singolo riferimento in uscita per assicurarsi che sia ancora vivo e funzionante.

Come identificare i link rotti

È davvero difficile identificare quali collegamenti interni ed esterni siano rotti, ed è ancora più difficile correggerli perché per la pulizia è necessario conoscere la posizione precisa del tag di collegamento interrotto nel codice HTML.

La maggior parte dei tools online che effettuano audit delle pagine web hanno l’opzione di test sui link rotti e non piu’ funzionanti. Ad esempio Semsrush offre questo tipo di servizio di seguito il link. Il software eseguirà dei test per verificare la ‘salute’ del vostro sito web e tra le altre cose, vi offrirà l’opportunità di verificare eventuali link rotti interni od esterni.

Se il tuo sito utilizza WordPress come CMS, posso consigliarti l’uso di un plugin chiamato Broken Link Checker che una volta installato, fornirà costanti aggiornamenti e segnalazioni su eventuali link rotti presenti sul tuo sito. Puoi scaricare questo plugin da questo link.

L’ultima soluzione che ti propongo è quella di affidare questo compito a dei professionisti. Teutra può ottimizzare il tuo sito web e migliorare il traffico derivante dai motori di ricerca. Contattaci per un site audit e un preventivo gratuito e senza impegno.

The following two tabs change content below.
Mi chiamo Melchiorre Schifano è sono un SEO e Web Designer o in altre parole, realizzo siti web moderni e compatibili con le moderne tecnologie e li ottimizzo secondo le regole dettate dai motori di ricerca. Se ti è piaciuto questo articolo condividilo sui social; a te non costa niente ma per me sarebbe un segnale di apprezzamento per il mio lavoro :-)