Perchè devi affidarti ad un professionista per realizzare il tuo sito web

Home » Web Marketing » Pagina 5

 

Se hai già letto i miei precedenti articoli sull’importanza di essere online con la tua azienda e come sfruttare le opportunità che internet offre al mercato per vendere prodotti e servizi, ti consiglio di leggere questo articolo prima di decidere a chi affidare la realizzazione del tuo sito web aziendale.

 

Come rovinare la propria reputazione online

 

A volte dopo aver presentato un preventivo ad esempio in relazione alla realizzazione di un sito web, mi sento rispondere “ho un cugino che me lo fa gratis“. Questo accade perché alcuni non riescono a percepire il lavoro che sta dietro a qualunque tipo di  attività web.

Realizzare un sito web, ottimizzarlo dal punto di vista SEO, progettare una campagna con Google Adwords non sono attività relative solamente alla produzione di codice. Dietro a queste attività c’è soprattutto un aggiornamento professionale continuo su regole imposte dai motori di ricerca, leggi e normative varie.

Con un minimo di conoscenza di un CMS come Worpress, molti possono realizzare un sito web graficamente piacevole.

Con un po’ di applicazione e di studio, si può realizzare un sito web utilizzando piattaforme gratuite. Stesso discorso con Google Adwords: costruire una campagna pubblicitaria non è così difficile.

 

Perchè evitare soluzioni fai da te?

 

Allora perché’ non farlo? Essenzialmente per due motivi:

  • Se il lavoro non è fatto bene, corri il rischio di mostrare su internet una immagine approssimativa e poco professionale della tua attività e dei tuoi prodotti e servizi.
  • Se investi delle risorse vuoi un ritorno economico e se non ti affidi a un professionista, non hai garanzie in merito.

Prendiamo ad esempio l’ottimizzazione per i motori di ricerca. In fase di realizzazione di un sito web, un esperto SEO è in grado di porre in atto tutti gli accorgimenti dettati da Google.

Il cugino smanettone o lo studente universitario che conosce un po’ di WordPress per mantenersi agli studi, per loro stessa natura non possono essere aggiornati sulle continue modifiche dell’algoritmo che Google utilizza per le ricerche.

Questo ha un grosso impatto in termini di visibilità agli occhi dei motori di ricerca del vostro tuo web. E se il tuo sito web non è visto da nessuno, se non vende è un costo inutile.

Un professionista SEO o una web agency sono sempre informati non solo sulle modifiche degli algoritmi di Google ma anche sulla legislatura legata al web.

Negli ultimi tempi c’e’ stato un forte interesse legislativo nei confronti della privacy. Questo interesse ha partorito vari obblighi per i proprietari di siti web che se non messi in atto, rischiano di provocare sanzioni anche molto pesanti da un punto di vista economico.

Negli scorsi anni è stato introdotto prima l’obbligo di una pagina informativa sulla privacy e più di recente, una normativa europea sui cookies.

Questa legge impone a ogni sito web una pagina informativa sull’utilizzo dei cookies. Nel  maggio del 2018 inoltre, è entrata in vigore una ulteriore normativa sulla protezione dei dati personali, la cosi’ detta norma GDPR.

Caratteristiche di un sito professionale.

Ma a quali caratteristiche deve corrispondere un sito per essere considerato un sito web professionale? Scopriamole insieme.

Innanzitutto ce ne sono due fondamentali che difficilmente si possono ottenere se non si ha una conoscenza della materia sufficiente: navigabilità e usabilità.

Navigabilità e usabilità

  • L’architettura del sito è semplice?
  • Il menu è abbastanza intuitivo?
  • L’utente riuscirà a orientarsi all’interno del sito in maniera semplice?
  • La permanenza sul sito è incentivata abbastanza?
  • Le pagine  vengono navigate tutte?
  • Il sito piace agli utenti e soprattutto a Google?

A queste domande se non si hanno le competenze e gli strumenti giusti, non si può rispondere. E come brancolare nel buio.

Una persona effettivamente può da sola realizzare un sito web, può conoscere il proprio prodotto e servizio, ma difficilmente è in grado di fare un progetto di web marketing efficace senza documentarsi in maniera adeguata.

Queste sono solo le prime domande che un professionista o una web agency si pongono quando si trovano ad analizzare un sito esistente o produrne uno nuovo. Il sito per essere un “buon sito” deve:

Chiarezza

Essere chiaro è fondamentale. Le domande che devi porti sono:

  • E’ chiaro il servizio o il prodotto che offro?
  • Sto offrendo un prodotto o un servizio che il mercato chiede?
  • Come viene presentato e offerto al pubblico il mio prodotto o servizio?
  • Perché un cliente dovrebbe scegliere i miei prodotti con l’enorme offerta esistente (concorrenza)?
  • In che cosa si differenziano i miei prodotti e servizi da quelli della concorrenza?

Strategia di marketing

Avere una Strategia di Marketing è fondamentale:

  • Chi è il target di riferimento del mio prodotto o servizio? Chi è il mio potenziale cliente?
  • Quale è l’obiettivo che mi prefiggo di raggiungere con il mio sito web? Numero di visitatori? Aumento delle vendite? Richiesta di preventivi?
  • Come fare per ottenere gli obiettivi prefissati? Nulla deve essere lasciata al caso. Tutto ciò che è inserito nel sito deve avere un suo perché e ogni dettaglio essere ben ponderato.

Auto promozione

Chi naviga il web cerca informazioni e non pubblicità. Cerca risposte e non proposte commerciali. Chi naviga su internet cerca di soddisfare un bisogno un desiderio, ricerca soluzioni o informazioni.

Per ciò non serve a nessuno leggere che un determinato brand è il migliore nel proprio settore, senza che sia definito in cosa realmente si differenzia dalla concorrenza. Meglio dire perché il prodotto è il migliore e lasciare che siano le caratteristiche oggettive a dimostrarlo, senza auto premiazioni.

Utente al centro del business

  • Conquistare l’utente, colpire in maniera diretta il target, convertire il navigatore in cliente, fidelizzarlo. 
  • Considerare la user experience, pensare a cosa il cliente può cercare o volere e cosa lo può convincere nell’acquisto.
  • Stare al passo con la tecnologia: Avere un sito web ottimizzato e al passo con i vari aggiornamenti dei motori di ricerca.
  • Avere un sito “adatto” (in termini di leggibilità, navigazione, chiarezza dei contenuti) a dispositivi mobili, come Tablet e Smartphone.
  • Avere contenuti testuali efficaci: I tuoi testi sono corretti grammaticalmente, efficaci, leggibili? Essi esprimono con chiarezza e semplicità ciò che è essenziale che raccontino?
  • Testi troppo lunghi e prolissi non vanno assolutamente bene, così come anche quelli telegrafici. Ci vuole il giusto mezzo, come per ogni cosa, in questo caso il “giusto mezzo” che tenga in considerazione sia le persone, che i motori di ricerca.
  • Provvedere sempre ad aggiornamenti periodici. La gente vuole vedere qualcosa di nuovo, possibilmente in tempo reale.
  • Avere una strategia SEO: Essere tra i primi nei risultati dei motori di ricerca, risulterà davvero difficile se non ti affidi a un professionista esperto o ad una agenzia web. Dietro al mondo SEO ci sono tanti fattori da considerare. Il lavoro e le  conoscenze che un semplice “cugino” difficilmente potrà avere.

Conclusione 

E poi i proverbi antichi difficilmente sbagliato e io ne conosco uno che in questi casi definisce bene lo scopo di questo articolo ed è: “Chi meno spende, più spende”.

Se ti affidi al conoscente, al cugino smanettone che dice di essere un appassionato del mondo di Internet non affidargli il tuo progetto, è una perdita di tempo (=soldi). E in questo periodo il “tempo è denaro” e se non si arriva in tempo “il treno parte”.

Chi ha orecchie per intendere, intenda.

Come avviare una campagna pubblicitaria su facebook ads

Home » Web Marketing » Pagina 5

 

La Pubblicità, i social media e Facebook Ads

 

Facebook Ads, pubblicità “su misura”, ma anche integrazione con l’esperienza degli utenti.

Questa è la grande promessa fatta dai social media come Facebook, ai propri inserzionisti. Vediamo insieme come questa promessa si concretizza. Sei un utente di Facebook avrai sicuramente notato che a destra della tua Timeline vi è una colonna dedicata alle campagne pubblicitarie.

Hai una azienda o sei un professionista e vuoi organizzare una campagna pubblicitaria dedicata al tuo brand su Facebook?  Sei approdato nel posto (o meglio nel “post”) giusto.  :-) 

Prima di scendere nel dettaglio su come realizzare una campagna pubblicitaria su Facebook, vediamo in cosa consiste la pubblicità sul famoso social in blu, la cosiddetta Facebook Ads.

 

Gli annunci

 

Si tratta d’immagini e testi, che gli inserzionisti possono utilizzare per dare visibilità alla propria pagina facebook aziendale o a una pagina esterna come ad esempio, il proprio sito web. Un annuncio pubblicitario è costituito da:

  • Una determinata pagina di destinazione (fan page o URL del sito).
  • Un titolo (con un massimo di 25 caratteri).
  • Una parte dedicata al testo (una descrizione che può essere al massimo di 90 caratteri).
  • Un immagine/foto correlata alla pagina del prodotto e servizio offerto, che può avere un formato di 110×80 pixel.

Per diventare inserzionisti bisogna essere iscritti a Facebook o con un profilo utente oppure con un account advertising, quest’ultimo dedicato alle aziende.

 

Come avviare una campagna pubblicitaria su Facebook Ads

 

Se se il gestore di una pagina Facebook avrai notato nella parte alta della colonna a destra (sidebar destra)  all’interno dell’home page un link: “Crea un’inserzione”, cliccandolo si apre una nuova pagina dove l’utente può scegliere il tipo di campagna pubblicitaria che vuole realizzare.

La pagina che si apre ha come titolo: “Che tipo di risultati desideri per le tue inserzioni?”.

Si può scegliere tra:

  • Interazione con il Post della Pagina: Si tratta d’inserzioni che mettono in evidenza i tuoi post e incrementano i “mi piace“, i commenti, le condivisioni, le riproduzioni video e le visualizzazioni delle foto. Facendo doppio clic si entra in questo tipo di campagna pubblicitaria e si ha la possibilità di scegliere la pagina Facebook che si gestisce. Una volta scelta la pagina, si sceglie il post che si vuole sponsorizzare. In automatico compare l’ultimo post della pagina, ma cliccando sul simbolo “>” si apre una finestra dove vengono visualizzati tutti i titoli dei post condivisi nell’ultimo periodo. In alternativa, si può scegliere di creare un nuovo post nella pagina, cliccando sul simbolo “+”. Terminata questa parte, si clicca su “continua” e si apre una nuova pagina dove vengono definite tutte le caratteristiche del post ma, soprattutto, i dati del target che si intende raggiungere (luogo, età, sesso, lingua,…) ed il budget che si ha a disposizione.
  • Mi piace” sulla Pagina: Con questa opzione si creano inserzioni per accrescere il pubblico su Facebook. Si crea un post dove si suggerisce di cliccare “mi piace” per la propria pagina. Anche in questo caso si possono definire tutte le caratteristiche del pubblico che si intende raggiungere ed il budget a disposizione.
  • Clic sul sito web: Con questa selezione si cerca d’incoraggiare le persone a visitare il proprio sito web. In questo caso viene richiesto l’inserimento dell’URL (l’indirizzo della pagina web) relativo al proprio sito. Si può collegare tramite questo tipo di funzione, la pagina Facebook all’URL del sito. L’inserzione rimanderà tramite link al sito indicato, mantenendo la provenienza dalla tua pagina Facebook. Si può scegliere il testo da inserire nel post pubblicitario, come anche il pubblico che si intende raggiungere a seconda del budget a disposizione.
  • Conversioni sul sito web: con questa opzione di creano inserzioni allo scopo di promuovere azioni specifiche che si desidera vengano realizzate dalle persone (conversioni). Per attivare questa funzionalità si dovrà utilizzare un pixel di monitoraggio (si tratta di un piccolo frammento di codice che consente di monitorare le conversioni, come gli acquisti e le registrazioni, sul proprio sito web) delle conversioni per calcolare i tuoi risultati.
  • Installazione dell’applicazione: con questa opzione si cerca d’invogliare le persone a installare la propria applicazione sui dispositivi mobili e fissi. Per accedere a questa funzione, bisogna possedere già un’applicazione che si vuole sponsorizzare.
  • Interazione con l’applicazione: Invoglia all’utilizzo della propria applicazione.
  • Risposte all’evento: Incrementa la partecipazione a un evento. Per accedere a questa funzione, bisogna prima realizzare l’evento e poi sponsorizzarlo.
  • Richieste di offerte:  Crea offerte affinché le persone le utilizzino presso il tuo negozio online. Per accedere a questa funzione il sito deve avere delle caratteristiche ben precise.

 

I vantaggi di una campagna pubblicitaria su Facebook Ads

 

Indubbiamente sono diversi i vantaggi che si possono avere se si attiva una campagna pubblicitaria su Facebook Ads:

  • Costi medio/bassi.
  • Alto numero di visualizzazioni (impression).
  • Segmentazione dell’audience (sesso, età, Paese, etc..).
  • Gestione flessibile del budget.
  • Monitoring istantaneo, efficace e preciso dei risultati che via via vengono ottenuti.

Allora cosa altro aspetti, vuoi far conoscere il tuo brand? Mantieni aggiornata la tua pagina Facebook e inizia la tua campagna pubblicitaria Facebook Ads.

Come utilizzare Hangout di Google per video conferenze e chat visuali

Home » Web Marketing » Pagina 5

Hangout di Google è un applicazione che permette di fare video chiamate e conference call e chat visuali con i vostri amici. Per poter utilizzare Hangout è necessario avere un account Google.

 

Hangout Tutorial: come videochiamare i vostri contatti

 

Gli Hangout di Google sono dei video ritrovi virtuali, utili per discutere “face to face” con un max di 10 persone. Si tratta di una sorta di piazza virtuale creata da Google dove poter dialogare direttamente e gratuitamente con i propri contatti e amici.

Le video chiamate possono essere pubbliche, in quanto attraverso un particolare tipo di Hangout (Hangout On Air) vi è un pubblico, che vede la videoconferenza per mezzo del canale Youtube e può interagire scrivendo commenti e facendo domande.

 

Perciò esistono 2 tipi di Hangout:

 

Hangout “semplici” che vengono effettuati  su Google Plus e rimangono su questa piattaforma, Hangout On Air che sono quelli che sono trasmessi contemporaneamente su Google Plus e su YouTube, e alla fine della videoconferenza, rimangono sul canale YouTube per poter essere visualizzati dopo la fine dell’evento live.

Gli Hangout permettono di ospitare fino a 10 persone all’interno della video chiamata (1 ospitante + 9 ospiti) e se sono degli Hangount On Air possono avere un pubblico illimitato, che interagisce con i commenti sul canale YouTube.

Gli Hangount possono avere una durata massima di 8 ore ed essere registrati anche in HD se viene utilizzata la strumentazione adatta. L’Hangout quindi non è necessariamente quel video sgranato, che si vede male, ma può essere fatto a un livello più professionale.

 

Come realizzare un Hangount e videochiamare i vostri contatti?

 

Per aprire un nuovo Hangout segui queste indicazioni.

Selezionare le persone con cui si vuole “parlare”.

Ecco 3 modi per ricercare le persone che si vogliono invitare:

  • Scorrere l’elenco Hangount
  • Fare clic sul pulsante ‘+’ situato nella parte superiore dell’elenco Hangout e digitare il nome dell’invitato o il suo numero di telefono (oppure l’indirizzo se si conosce solo quello)
  • Cercare nelle proprie cerchie di Google Plus tramite la casella di ricerca situata nella parte superiore dell’elenco Hangout. Fare clic sul segno di spunta di colore grigio accanto al nome della persona o di una intera cerchia. Ripetere i passaggi per tutte e persone che si vogliono invitare all’evento (fino a un max di 9). Fare clic sul pulsante raffigurante la videocamera.

 

Come entrare in Hangout ?

 

Entrare in Hangout è davvero facile. Se qualcuno ti invita a un Hangout, nella tua schermata compare la scritta “(Nome) è nell’hangout”. L’invito a questo tipo di videoconferenza può arrivare anche tramite una notifica sul profilo di Google Plus o un messaggio di chat.

 

Per partecipare ad un Hangout devi quindi seguire queste indicazioni:

 

  • Tocca il post della persona che ha organizzato l’Hangout.
  • Clicca su “Entra nell’Hangout”.
  • Controlla le impostazione relative al microfono e al video che della telecamera.

Quando è tutto pronto clicca su “Hangout”. Entrando nell’Hangout si vedono in alto tutte le foto dei profili di chi partecipa all’evento live.

 

Hangout consente di condividere documenti, immagini e file, e modificarli in diretta.

 

Hangout consente agli utenti di entrare in connessione e comunicare con i propri colleghi e amici in stanze video multiutente. Si possono quindi realizzare Hangout per tenere riunioni aziendali, per discutere di un particolare “argomento d’interesse”, per sollevare un problema o solo e semplicemente per una chat video con più persone contemporaneamente.

Hangout permette di condividere lo schermo del proprio Pc in modo che anche altre persone invitate all’Hangout possano vederlo. Si può scegliere di condividere qualsiasi finestrella aperta sul proprio Pc. Scegliere di condividere i file inseriti nella cartella di “Google Drive” e collaborare per scrivere note sugli incontri o disegnare su una lavagna condivisa.

 

Gli Hangout restituiscono una dimensione umana alla comunicazione via web

 

Utilizzare Hangout è come fare una festa e invitare le persone a casa. Per chi invece ha un attività che vuole promuovere sul web, significare fare un vero e proprio evento live.

E tu, hai gia’ partecipato a un hangout ? Per lavoro o per divertimento ? Raccontaci la tua esperienza.

Turismo e marketing: quali attività sono necessarie su internet

Home » Web Marketing » Pagina 5

 

La strategie che una struttura ricettiva deve mettere in atto per migliorare la propria visibilità  online e non sono davvero tante. Partiamo da un dato di fatto: la maggior parte dei potenziali clienti che vogliono prenotare una struttura ricettiva utilizzano internet, sia per informarsi che per prenotare.

Alcuni direttamente sui portali delle OTA (Online Travel Agency – Agenzia di Viaggio Online) oppure nel booking engine della struttura.

Premesso ciò vediamo come un hotel – resort – b&b – agriturismo possa aumentare la propria visibilità su Internet e soprattutto come farlo in maniera corretta.

 

Turismo, web e business

 

Molti imprenditori nel settore del turismo hanno capito che il processo di acquisto da parte degli utenti, è totalmente cambiato. Oggi il cliente, prima di prenotare una struttura turistica, svolge una serie di operazioni in rete.

Confronta i prezzi e i servizi sui siti web delle strutture turistiche, legge le opinioni dei precedenti ospiti su TripAdvisor o siti simili, fa ricerche sui motori di ricerca e nei social network come Facebook e Twitter e solo quando è totalmente convinto dall’offerta prenota.

 

Bisogni dell’utente

 

Chi possiede una struttura turistica deve quindi partire dai bisogni effettivi che l’utente ha per poterli soddisfare nel migliore dei modi. In generale i desideri dei clienti si possono racchiudere in 5 aree:

  • Personali: relax, benessere, divertimento, sport.
  • Familiari: famiglie composte da bambini, persone disabili, animali domestici.
  • Fiducia: il cliente vuole passare un “bel” soggiorno e non avere fregature.
  • Prezzo: molto più importante del prezzo e il rapporto qualità/prezzo.
  • Trasporto: quanto è facile/costoso raggiungere la struttura, se è collegata con i mezzi pubblici come treni e aerei.

L’albergatore o il proprietario dell’agriturismo dovrebbero orientare la propria strategia di business e di comunicazione online allo scopo di soddisfare i bisogni delle diverse (o di una particolare) tipologie di utente.

 

Il sito web al centro della strategia di marketing

 

Al centro di qualsiasi strategia di promozione deve esserci il sito web, che dovrà essere accattivante, usabile ed efficace a livello di comunicazione. Al sito Internet è poi opportuno affiancare l’attività sui social network (Facebook, Twitter, YouTube, Instagram, etc…) in modo da dialogare in maniera diretta con i propri potenziali clienti.

Ma in generale un albergatore o un proprietario di una struttura turistica, per aumentare la propria presenza sul web, dovrebbe svolgere delle campagne di marketing che comprendono:

 

Caratteristiche di un sito web orientato al turismo

 

Il proprietario della struttura turistica deve innanzitutto capire cosa cercano gli utenti nel periodo del loro soggiorno. Nella maggior parte dei casi non cercano il prezzo inferiore, anzi sono ben disposti a spendere qualcosina in più se percepiscono un valore aggiunto nell’offerta della struttura.

Una volta capito cosa è questo qualcosa in più che la struttura turistica può offrire, è importante inserire queste informazioni sul  proprio sito web.

Vediamo adesso insieme le caratteristiche e le informazioni che devono essere contenute nel sito web dedicato a una struttura ricettiva:

  • I prezzi dei vari tipi di soggiorno: è molto importante mettere in evidenza la posizione geografica della struttura, le informazioni relative al trasporto, cioè come fa il cliente che arriva in auto/treno/aereo a raggiungere la località e naturalmente i costi.
  • Le attività nelle vicinanze della struttura: possibilità di escursioni esterne, locali per il divertimento, discoteche, locali tipici, musei, parchi acquatici, etc… Nel sito web si devono evidenziare tutti i punti di forza e soprattutto quelli di differenziazione rispetto ai propri competitori diretti.
  • Gallerie fotografiche e video: per porre in risalto la bellezza della struttura.
  • Offerte reali e lastminute.
  • Convenzioni esistenti con altre strutture e attrazioni vicine.
  • Booking o richiesta info. La possibilità di richiedere informazioni, chiamare o controllare online la disponibilità delle camere e prenotare.

 

Requisiti tecnici del sito:

 

  • Web design accattivante: la parte estetica non va assolutamente trascurata. Il sito deve essere accattivante ed usabile, cioè la navigazione deve essere semplice e piacevole. Il menù di navigazione intuitivo, in quanto è essenziale che l’utente trovi immediatamente le informazioni che cerca.
  • Call to Action: le call to action (chiamata all’azione) devono essere evidenziate in modo da facilitare la compilazione di un form, l’iscrizione alla newsletter, la prenotazione online, etc…
  • Velocità del sito: la velocità del sito è una caratteristica che spesso viene sottovalutata, ma è fondamentale che l’utente non perda tempo per visualizzare i contenuti inseriti all’interno del sito.
  • Compatibilità con diversi dispositivi: attualmente sono molti di più gli utenti che si collegano alla rete internet attraverso apparecchi mobili (smartphone e tablet), è perciò fondamentale avere un sito web compatibile con qualsiasi dispositivo.
  • Newsletter: un ottimo modo per fidelizzare il cliente.
  • Form di richiesta: molti clienti non hanno voglia o tempo per richiedere informazioni direttamente al call center e preferiscono fare le loro richieste attraverso dei form, per questo motivo è importante che il sito web ne sia provvisto.

Turismo e marketing, un’accoppiata importante e, se ben declinata, vincente. Naturalmente vi invito a dare il vostro contributo alla discussione.

Google Trends ovvero come selezionare gli argomenti di tendenza

Home » Web Marketing » Pagina 5

 

Google Trend. Il contenuto è diventato un aspetto fondamentale per promuovere la propria visibilità online. Sapere scegliere la tematica è un fattore estremamente importante per ottenere un sito web  o un blog di successo.

Spesso la difficoltà arriva non tanto nel momento dell’apertura di una pagina web, ma quanto nella scelta periodica e sistematica delle tematiche da affrontare. In questi casi affidarsi agli strumenti giusti risulta essenziale.

 

Alla ricerca degli argomenti più ricercati

 

Google Trend è luno strumento fatto apposta per riuscire a scalare le prime pagine di Google: si tratta di un prodotto gratuito che permette di effettuare ricerche di marketing, analisi dei dati, esplorare i volumi di ricerca e fare comparazioni tra due o più termini.

Se ad esempio si vuole scrivere un articolo sulle ultime tendenze del mondo mobile, allora sarà utile sapere che nel 2013 la parola più ricercata è stata iPad, rispetto ai termini Smartphone o Tablet, che potrebbero essere generici e quindi generare più risultati.

Ma vediamo adesso nello specifico come utilizzare questo fantastico strumento.

Google Trend: come funziona

 

Collegandosi alla pagina di Google Trend si apre una schermata molto intuitiva. In alto troviamo subito un modulo di ricerca, dove poter inserire immediatamente una parola che più o meno potrebbe interessarci ed essere in linea con il target del nostro sito.

google trend

 

 

Una volta inserita la parola e avviata la ricerca, si apre una nuova pagina. Qui si ha :

  • un grafico che indica l’interesse nel tempo.
  • l’Interesse regionale (si può scegliere lo Stato, La Regione ed anche la Città).
  • Le ricerche correlate divise in: ARGOMENTI e QUERY. Entrambi con indici che indicano la percentuale dei  “più cercati” e se risultano “in crescita”.

Ma se non abbiamo minimamente idea e vogliamo scrivere un articolo con una parola chiave particolarmente ricercata possiamo andare nella home di Google Trend  e visionare i TREND ATTUALI.

Qui vengono elencate le parole chiave più ricercate relative al giorno in cui si fa la ricerca o se si vuole si possono visualizzare anche i termini più cliccati dei giorni precedenti.

google trend italia

Poi vi sono le classifiche che vengono suddivise in 10 Macro Aree di ricerca:

  • Come fare.
  • Cosa significa.
  • Ricerche Emergenti.
  • Al cinema.
  • Cambiare.
  • Mangiare.
  • Vendere.
  • Ricette.
  • Perché.

Tutte queste parole sono associate a loro volta ad altrettanti termini.

Una altra funzionalità di Google Trend da non sottovalutare è la STAGIONALITA’, cioè si possono visualizzare periodi storici passati e osservare come varia il trend di ricerca di determinati termini rispetto al tempo.

Questa funzionalità è particolarmente adatta a chi vuole scrivere di moda, ricette o qualsiasi altra cosa che varia con le stagioni.

Utilizzando Google Trend è possibile così scoprire nel dettaglio quali sono le abitudini degli utenti di Google e visualizzare i temi più popolari e scottanti.