11 pagine importanti che ogni sito web dovrebbe avere

Hai avviato di recente un sito web? Stai pensando di farlo?  Forse ti starai chiedendo quali sono le pagine più importanti che devi avere sul tuo sito. Le pagine ti consentono di aggiungere informazioni utili senza influire sulla programmazione di post e dei contenuti. In questo articolo, condivideremo con te le pagine più importanti che ogni sito o blog aziendale dovrebbe avere.

Perché aggiungere pagine al tuo sito WordPress

Come abbiamo già visto in precedenza la realizzazione di siti web con WordPress permette di gestire in modo efficiente qualsiasi tipo di sito o blog, compreso un ecommerce.

WordPress ha due tipi di contenuti predefiniti chiamati post e pagine. I post sono utilizzati per scrivere articoli di blog, le pagine vengono utilizzate per creare contenuti che non fanno parte della normale pianificazione editoriale.

Le pagine vengono normalmente utilizzate per aggiungere contenuto statico,  informazioni che per la loro natura non dovrebbero cambiare molto spesso nel tempo.

Ad esempio, una pagina su “chi siamo” o sulla “privacy policy”.

Tenendo separati questi contenuti dai post del tuo sito, la loro consultazione è facilitata.

Puoi anche gestire facilmente le tue pagine, riorganizzarle, aggiungerle ai menu di navigazione e persino utilizzare avere layout personalizzati.

Detto questo, diamo un’occhiata ad alcune idee di pagine che potresti usare sul tuo sito web o blog aziendale.

 

1. Chi siamo

Questa è una pagina indispensabile per quasi tutti i siti Web su Internet. È possibile denominare questa pagina “Chi siamo” o “Informazioni personali” a seconda che si disponga di un sito aziendale o di un blog personale con un singolo autore.

Puoi utilizzare questa pagina per comunicare ai visitatori quali sono le persone che si trovano dietro le tue pagine web, il loro scopo, la missione, i valori e ciò che gli utenti dovrebbero aspettarsi dal sito.

La pagina “Chi siamo” aiuta a creare un rapporto di fiducia tra il tuo pubblico e le persone che lavorano dietro le quinte del sito.

Questo rapporto di fiducia è ancora più importante se utilizzi il sito o un blog per vendere prodotti o servizi.

 

2. Pagina di contatto

I tuoi lettori, inserzionisti o potenziali partner commerciali hanno bisogno di trovare le tue informazioni di contatto. Una pagina di contatto consente agli utenti d’inviare rapidamente e facilmente un messaggio.

Dovrai aggiungere un modulo di contatto per rendere più facile la relazione tra te e i tuoi utenti o potenziali clienti.

Tuttavia, puoi anche aggiungere il tuo indirizzo email, la mappa della posizione e i profili dei social media per offrire più modi per connettersi con te o con la tua azienda.

 

3. Pagina di limitazione delle responsabilità

Guadagni online attraverso il tuo sito o blog? Potresti prendere in considerazione di aggiungere una pagina disclaimer. Qui è dove puoi far sapere agli utenti come guadagni dal tuo sito. Ad esempio, se visualizzi annunci banner o promuovi prodotti affiliati, puoi informare gli utenti che questo è il modo in cui i tuoi contenuti sono monetizzati.

 

4. Pagina informativa sulla privacy

La pagina sulla policy privacy informa fondamentalmente gli utenti sui dati che vengono raccolti dal tuo sito web e su come tu e terze li utilizzate. 

Anche se non raccogli dati utente, strumenti di terze parti sul tuo sito web come Google Analytics possono impostare i cookies.

Questa è una pagina che tutti i siti web o blog devono avere obbligatoriamente.

Puoi trovare molti modelli e generatori di norme sulla privacy online.

 

5. Pagina Termini di servizio

Gestisci un negozio online od offri servizi a pagamento sul tuo blog? Allora hai bisogno di una pagina dei termini di servizio.

La pagina “termini di servizio” ti consente di limitare la tua responsabilità in caso di uso improprio d’informazioni e servizi forniti sul tuo sito web.

Può anche essere usato per informare gli utenti circa le loro responsabilità in merito al copyright e al marchio e come possono utilizzare il tuo sito web, prodotto o servizi.

Si tratta di un documento obbligatorio per cui è altamente raccomandato la consulenza di un professionista.

Esistono anche modelli online. Tuttavia ti sconsigliamo di realizzare una pagina dei termini di servizio attraverso una semplice attività di copia e incolla.

 

6. Pagina “Inizia qui”

Questo tipo di pagina sta diventando sempre più popolare.

La funzione della pagina “inizia qui” è quella di migliorare l’usabilità del sito web.

Man mano che il tuo sito web cresce, avrai molti più contenuti da mostrare.

Ciò potrebbe confondere i nuovi utenti su come sfruttare al meglio il tuo sito web o blog. Questa è l’utilità di una pagina “inizia qui”.

Lo scopo di questa pagina è d’introdurre nuovi utenti ai tuoi contenuti più utili.

Ciò fornisce un’idea chiara su come sia possibile trarre vantaggio dai tuoi contenuti. Inoltre fornisce informazioni su quali sono le risorse da controllare prima.

 

7. Pagina Prodotti / Servizi

Stai utilizzando una piattaforma di ecommerce come WooCommerce per vendere prodotti? Il programma creerà automaticamente una pagina negozio che puoi aggiungere al menu di navigazione.

D’altra parte, se vendi prodotti od offri servizi senza utilizzare un plugin di ecommerce, hai bisogno di una pagina a loro dedicata.

Puoi anche creare una pagina genitore per elencare tutti i tuoi prodotti e sotto pagine per i singoli manufatti con maggiori dettagli.

 

8. Pagina 404 personalizzata

WordPress visualizza automaticamente una pagina di errore 404 quando non riesce a trovare un contenuto specifico. Normalmente, la pagina ‘404 not found’ è molto semplice. Puoi sostituire quella pagina di default con una pagina di errore 404 personalizzata e offrire agli utenti maggiori opportunità di scoprire contenuti e continuare la navigazione.

 

9. Pagina Archivi

WordPress crea automaticamente data, categoria e archivi basati su tag. Tuttavia, le informazioni sono ancora sparse su pagine diverse e potrebbero non consentire agli utenti di ottenere una vista rapida del contenuto più prezioso.

Qui entra in gioco una pagina di archivi personalizzata. Si tratta di una semplice pagina che puoi usare per visualizzare i tuoi post più letti, archivi, categorie principali, tag e altro.

 

10. Pagina pubblicitaria

Molti blog o siti web basano le loro entrate economiche sugli annunci pubblicitari. Il modo più semplice per farlo è iscriversi a Google AdSense. Tuttavia, puoi anche vendere spazi pubblicitari o post sponsorizzati direttamente agli inserzionisti.

Per fare ciò, dovrai creare una pagina “Pubblicità” con informazioni sugli spot pubblicitari disponibili, le tue visualizzazioni mensili medie e i dati demografici del pubblico. Non dimenticare di aggiungere un modulo di contatto in modo che gli inserzionisti possano contattarti rapidamente.

 

11. Lavora con noi

Gestisci un blog WordPress multi-autore e stai cercando altri scrittori? Hai bisogno di una pagina lavora con noi. Questo vale anche per un sito ecommerce che intende promuovere un programma di affiliazione o sei un’azienda che sta gestendo direttamente un recruiting per posizioni aperte.

Questa pagina consente semplicemente agli utenti che sono alla ricerca di collaborazioni di scoprire le opportunità che il tuo sito web offre.

Puoi utilizzare questa pagina per dire agli utenti di cosa parla il tuo blog e che tipo di contenuti stai cercando. Soprattutto, fagli sapere come trarranno beneficio dalla collaborazione con la tua società. Non dimenticare di aggiungere un modulo di contatto per inviare rapidamente un messaggio.

 

In conclusione

Speriamo che questo articolo ti abbia aiutato a conoscere le pagine importanti che dovresti avere sul tuo sito web o blog WordPress. Ricorda: predisporre alcune di queste pagine sul tuo sito web è altamente consigliato, altre addirittura sono obbligatorie per legge. Hai bisogno di una consulenza, contattaci subito.

 

Sito vetrina: la prima tipologia di sito web aziendale

Significato di sito vetrina

 

Il sito vetrina quando si parla di servizi legati al web, è il termine che indica una determinata tipologia di sito web. Il sito vetrina è un sito internet che viene utilizzato per presentare i prodotti e i servizi offerti dall’azienda rafforzando la sola percezione del brand aziendale.

Non si parla quindi di un sito web complesso con servizi personalizzati e sezioni di notizie, ma semplicemente di un “biglietto da visita” o brochure onlineSolitamente è lo strumento con cui chi ha una piccola attività esordisce sulla rete internet. 

È una scelta che si effettua in fase di start up dell’azienda. Infatti lo sviluppo e la crescita dell’attività uniti alla flessibilità offerta da internet, consentono col tempo a questa particolare tipologia di sito web l’ampliamento senza dover ricominciare tutto da capo e gettare via quanto fatto.

Le pagine di un sito vetrina

 

Ogni giorno le persone cercano su internet  informazioni attraverso i motori di ricerca. In Italia nella stragrande maggioranza dei casi, le ricerche vengono effettuate su Google (a questo link uno studio del sole 24ore). Gli Italiani utilizzano Google per cercare informazioni sui prodotti e/o servizi che intendono acquistare.

Hai un’attività? Non puoi più restare fuori dal business del web tutti lo hanno capito, soprattutto la tua concorrenza. Per approfittare di questa opportunità bisogna partire dalla realizzazione di un sito web aziendale.

Per cominciare vanno bene anche le poche pagine di un sito vetrina. Vediamo come strutturarlo analizzando le sue pagine principali.

Home Page

 

Per qualsiasi attività online questa è la pagina più importante e a maggior ragione questa considerazione è valida per un sito vetrina. Studi recenti dimostrano che sul web,  un “visitatore” valuta se proseguire la propria visita, entro i primi 7 secondi dal suo arrivo su una nuova pagina.

La home page ha lo scopo di “catturare” l’attenzione di un utente e potenziale cliente e invitarlo a entrare nel sito per approfondire la sua ricerca.

Avendo a disposizione cosi’ pochi secondi è importante comunicare da subito la tipologia d’azienda che si rappresenta. Ad esempio un negozio di dischi dovrà mostrare le copertine degli ultimi successi mentre l’agriturismo mostrerà una veduta della tenuta o del casolare.

Chi Siamo / Mission

 

E’ una pagina importante del sito anche se viene poco visitata. Da comunque l’immagine e la mission aziendale. Non deve essere una pagina troppo lunga. Il lettore ne deve cogliere i punti salienti.  Sicuramente occorre fornire una breve descrizione dell’azienda e dell’attività, possibilmente della sua storia, e dei suoi principali servizi. 

I link a questa pagina devono essere presenti nella home page e nelle note a piè pagina con la dicitura “Chi Siamo” oppure “l’Azienda”. Questo è quello che i navigatori interessati cercheranno.

Servizi e Prodotti

 

E’ una pagina essenziale nell’economia del sito vetrina. Un elenco dei serviziprodotti aziendali corredati da immagini e schede tecniche, è quello di cui il potenziale cliente ha bisogno per valutare se l’azienda può soddisfare le proprie necessità.

Si possono inserire, in questa pagina, le informazioni necessarie a comprendere la natura dei prodotti e servizi offerti. In una fase successiva di ampliamento del sito si possono predisporre link verso pagine di approfondimento dei prodotti. In questo modo utilizziamo la pagina dei prodotti e servizi come una specie d’indice con i rimandi a singole pagine di approfondimento.

Testimonianze

 

La maggior parte dei siti vetrina non contiene una pagina con le testimonianze di coloro che hanno usufruito di prodotti e servizi dell’azienda. Questo perché molte società considerano la testimonianza come una forma di auto promozione che può essere percepita come non veritiera.

Inserire i commenti dei clienti è, invece, molto importante. Non capita anche a te di chiederti, di fronte a un possibile acquisto online, “Come si sono trovati gli altri acquirenti di questo prodotto o servizio?”.

Il potenziale acquirente è motivato a leggere i pareri degli altri clienti. Il motivo? Valutare la qualità del prodotto e dell’azienda attraverso il giudizio di coloro che li hanno già provati.  Inoltre li valuterà come attendibili se seguono questa regola.

“I commenti devono contenere i riferimenti dell’autore (nome, cognome, ruolo aziendale, indirizzo email, sito web) in modo da poter esser verificati.”

Grazie a questo accorgimento gli stessi assumeranno una maggiore credibilità.

Contatti

 

Questa è una pagina essenziale poiché stabilisce un legame tra il potenziale cliente e l’azienda, trasportando il visitatore dal mondo “virtuale” del web a quello “reale”.

La pagina dei Contatti, deve possedere un elenco di tutti i modi in cui è possibile contattare l’azienda: email, telefono, cellulare, fax, indirizzo postale, numero verde, skype, etc… Dobbiamo fornire al cliente la possibilità di contattarci nella maniera che LUI preferisce.

Non puoi perdere un cliente solo perché hai dimenticato di pubblicare ad esempio, il contatto skype. La pagina dei contatti, inoltre, deve poter essere raggiunta da qualsiasi punto del sito web aziendale. Il cliente può volersi mettere in contatto con l’azienda da qualunque pagina.

Queste sono le pagine indispensabili ma ne esistono altre che si possono inserire a seconda della tipologia del sito web aziendale. Un classico esempio è la pagina del Dove Siamo, con una mappa e le indicazioni stradali per raggiungere l’azienda, in genere molto usata dalle strutture turistiche.

Un altro esempio è quello della galleria fotografica da utilizzare quando il prodotto o il servizio si possono auto promuovere con delle fotografie.

Le frequented asked questioniF.A.Q., una serie di domande e risposte sulle attività e i prodotti aziendali, il portfolio dove vengono indicate le collaborazioni con altre aziende, sono altri esempi di pagine che i siti vetrina possono avere.

Se hai delle domande sull’argomento sarò felice di leggerle e risponderti nei commenti.

 

Come creare una pagina di errore 404 personalizzata

Tra tutti gli errori che allontanano i visitatori dal tuo sito web, l’errore 404 è al primo posto. Quando gli utenti atterrano su una pagina e non trovano ciò che si aspettavano, la cosa più probabile che faranno è lasciare il tuo sito e trovarne un altro.
Pertanto, creare una pagina di errore 404 personalizzata che offra scelte e informazioni è importante per migliorare l’user experience del sito e non perdere potenziali clienti.
Se non sei un’esperto ti consigliamo di affidarti ai nostri servizi di realizzazione siti Web a Torino. Se invece hai le competenze e vuoi provare a personalizzare una pagina errore 404, continua a leggere questo tutorial.

Le cause dell’errore 404

La pagina di errore 404 viene generata quando il server non riesce a trovare un contenuto specifico. Questo vale per un articolo o un’immagine. In generale, ci sono 4 motivi che causano l’errore 404 in un sito web.

  • Mancata installazione mod_rewrite.
  • Modifica del permalink.
  • Codice errato nei file index.php o search.php.
  • Eliminazione di una pagina.

Mod_rewrite – Per far funzionare il tuo permalink, devi assicurarti che mod_rewrite sia installato correttamente sul tuo server. Quindi, se appare una pagina di errore 404, la prima cosa da fare è controllare se c’è qualcosa di sbagliato nel mod_rewrite.

Modifica del permalink – Se hai cambiato di recente l’impostazione del permalink sul tuo sito WordPress, probabilmente, gli utenti non riusciranno ad accedere ai contenuti con i vecchi url.

Codice errato in Index.php o Search.php – Qualsiasi codice errato presente in questi file può portare a pagine o indirizzi non validi.

Eliminazione di una pagina – Se di recente hai eliminato una pagina, perchè aveva contenuti vecchi e obsoleti, o il tuo ecommerce ha modificato il catalogo dei prodotti, le vecchie pagine o i prodotti eliminati restituiranno una pagina di errore 404.

Oltre a conoscere cosa sta provocando una pagina errore 404 sul tuo sito web, è necessario adottare anche misure efficaci per limitare gli effetti negativi di un errore 404.

Suggerimenti su come creare una pagina di errore 404 personalizzata

Dunque è necessario progettare attentamente la pagina di errore 404 per mantenere sul proprio sito il maggior numero di visitatori possibile.

Detto questo ti guideremo nella creazione di una pagina di errore 404, fornita di un design personalizzato e di informazioni utili, che aiuteranno a trattenere i visitatori e a guidarli verso altre pagine del tuo sito web.

  1. Crea un modulo di ricerca
    La pagina di errore 404 di default non è affatto utile. Per un cliente che sta cercando i tuoi servizi o prodotti, imbattersi in una pagina 404 , potrebbe considerarti un gestore poco attento e non tornare più. La creazione di un modulo di ricerca interno al sito è una buona scelta. Ciò consente alle persone di cercare le informazioni sulla pagina ed essere indirizzato ad un’altro contenuto pertinente.
  2. Rendere familiare la pagina 404
    Quando i visitatori visualizzano una pagina di errore 404, possono credere di aver lasciato il tuo sito web. Pertanto, è necessario fornire loro suggerimenti che indichino che sono ancora sul tuo sito web. Per fare questo puoi creare un banner che contenga il logo della tua azienda o scrivere dei contenuti che rimandano in modo inequivocabile al tuo sito.
  3. Immagini adeguate
    Se un visitatore atterra su una pagina di errore 404  ha bisogno di capire perchè non trova quello che stava cercando. Praticamente, ha bisogno di scuse. Va bene se l’immagine è una foto di persone o un’immagine vettoriale. In ogni caso dovrebbe contenere un’ espressione triste. Solo in questo modo i lettori del tuo sito possono percepire le tue sincere scuse.
  4. Offri alcuni collegamenti utili
    Potresti aggiungere link che guidano i tuoi clienti alla home page del sito web. Oppure fornire link ai post più popolari, quelli più commentati, o i post più recenti. Insomma con l’inserimento di alcuni di questi collegamenti, la tua pagina 404 può essere utile per i visitatori che non hanno trovato i contenuti che cercavano, senza dover abbandonare il sito web.
  5. Rapporto sui collegamenti interrotti
    I collegamenti interrotti danneggiano l’esperienza dell’utente e il posizionamento SEO. Se hai un gran numero di articoli inclusi nel tuo sito web, eliminare o correggere i collegamenti interrotti tempestivamente può essere un problema. Quindi dovresti prendere in considerazione di utilizzare strumenti per individuare e correggere collegamenti interrotti, o consentire ai visitatori di segnalare i collegamenti interrotti nella pagina di errore 404.
  6. Impedisci l’indicizzazione di pagine 404
    Tutto ciò che hai fatto fin qui, è rendere la pagina 404 più utile e bella.
    Una pagina 404 personalizzata fornirà una migliore esperienza utente.
    Ma a parte questo, probabilmente vuoi impedire anche che la pagina venga indicizzata. In questo caso, è necessario che il server restituisca un codice di stato HTTP 404 effettivo.


Rich Cards il nuovo formato dei risultati di ricerca


Rich Cards; come cambiano i risultati della ricerca

Rich Cards è il nuovo formato dei risultati di ricerca che Google sta per introdurre. E’ un’evoluzione dei rich snippet e proprio come loro, il nuovo formato utilizza il markup strutturato di schema.org per visualizzare i risultati delle ricerche in un formato ancora più coinvolgente e visivo, con un occhio di riguardo all’utente dei dispositivi mobile.

Per i proprietari e i gestori dei siti web, questa è una nuova opportunità per distinguersi nei risultati delle ricerche ed attirare gli utenti più interessati ai propri siti. Ad esempio, se hai un sito di ricette, si può costruire una anteprima più ricca del tuo sito web con un’immagine in primo piano per ogni piatto. 

Questo formato visivo aiuta gli utenti a trovare ciò che vogliono subito, in questo modo stai ricevendo gli utenti che desiderano specificamente gustare il piatto preparato con la ricetta che hai mostrato.

Stiamo iniziando a mostrare le rich cards per due categorie: ricette e film. Essi compariranno inizialmente nei risultati di ricerca mobile in inglese per google.com.

Abbiamo costruito un set completo di strumenti e completamente aggiornato la nostra documentazione per aiutare gli sviluppatori a prendere confidenza con il nuovo formato.

Esplora i vari tipi di rich carts sfogliando la nuova galleria con le immagini e gli esempi di codice di ogni tipo di markup.

Testare e ottimizzare il vostro markup

Si consiglia vivamente di utilizzare JSON-LD nell’implementazione.

  • Scopri quali campi sono essenziali per marcare in modo ogni tipologia di rich cards. Abbiamo anche elencato campi aggiuntivi che possono migliorare le visualizzazioni.
  • Vedere una anteprima rinnovata dello strumento di test per capire come potrebbe apparire la vostra SERP (attualmente disponibile per le ricette e film su google.com).
  • Utilizzare lo strumento di test per vedere gli errori e come ottimizzare il vostro codice.

strumento di test

Tenere traccia di errori di copertura e di debug

  • Verificare quante delle tue rich cards sono indicizzate nella nuova ricerca rapporto Console Rich cards di Search Console.
  • Tenete d’occhio gli errori (anche elencati nel rapporto Rich Cards). 
  • Inviare una mappa del sito per aiutarci a scoprire tutti i tuoi contenuti che utilizzano il markup.

rich-card-errori

Trova opportunità di crescita

Nel rapporto rich cards, si vedrà quali cards possono essere migliorate la marcatura sui campi aggiuntivi.

rich-cards-campi-aggiuntivi

Performance Monitor

Un nuovo filtro “Rich results” in Analisi delle ricerche (attualmente in beta) ti aiuterà a tenere traccia di come le tue rich cards e rich snippet si stanno comportando nella ricerca: sarai in grado di vedere clic e impressioni per entrambi.
D: Posso mantenere il markup dei miei rich snippet esistenti ?

R: Sì, è possibile! Noi vi terremo aggiornati su come l’ecosistema dei risultati si evolve.

Q: Come cambia il rapporto dei dati strutturati in Search Console?

R: Il rapporto dei dati strutturati continuerà a mostrare solo entità di primo livello per i rich snippet esistenti (prodotto, ricetta, revisione, Evento, SoftwareApplication, Video, News article) e per le eventuali nuove categorie (ad esempio, film). Abbiamo in programma la migrazione di tutti gli errori dal report di dati strutturati al rich cards report.

D: Cosa succede se uso il markup sbagliato?

A: le linee guida tecniche e di qualità si applicano per le rich cards come gia si fa per i rich snippet. 

Se avete altre domande, ci trovate nella sezione dedicata di dati strutturati del nostro forum, su Twitter o su Google+.

Ispirato e liberamente tradotto da questo articolo sul blog di Google

Nuovo algoritmo di Google c’e’ una data : 21 aprile 2015

Cambia il modo di fruire internet, cambiano gli algoritmi di Google

Google si prepara a lanciare un nuovo algoritmo, da affiancare ai precedenti Panda, Penguin, Pigeon etc.. dedicato alla verifica dei siti mobile-friendly. In buona sostanza se il vostro sito web si adatta ad ogni tipo di schermo, e quindi anche a quello dei dispositivi mobili (smartphone e tablet), dovrebbe ottenerne un vantaggio al momento della compilazione della SERP, la pagina dei risultati dei motori di ricerca. Questo rimarrà uno dei tanti segnali di cui Google tiene conto, ma sarà un segnale importante.  Se non fosse cosi’ importante, Google non avrebbe avuto il tempo di preannunciarlo già in più occasioni e non avrebbe neanche impegnato le sue risorse con l’invio di messaggi con il Webmaster Tools ai webmaster il cui sito, attualmente, non passa questo test.

Ma quando sarà operativo questo nuovo algoritmo ? Il cosiddetto Mobilgeddon avrà luogo il 21 aprile 2015. Si Google ha dato una data. La modifica interesserà gli algoritmi di ricerca in tutte le lingue del mondo e avrà un impatto significativo nella formazione della SERP. Chi non è mobile-friendly ha solo poco più di un mese per mettersi a posto.

21 aprile 2015, che fare ?

La prima cosa da fare è verificare se il proprio sito è compatibile con i dispositivi mobili. Google ci mette a disposizione una pagina per testare il sito per la compatibilità con i dispositivi mobili. Inserite il vostro URL e analizzate il vostro sito. Spero che possiate ottenere qualcosa che assomiglia a questo, e cioè che la pagina è mobile-friendly:

teutra mobile

Se l’URL non è considerato mobile-friendly, Google vi dirà le ragioni specifiche e vi mostrerà le risorse per aiutarvi a risolvere i problemi. Tra le ragioni per cui una pagina non è mobile friendly potrebbero essere presenti cose come: “il contenuto è più ampio  dello schermo,” “utilizzo di plugin incompatibili”, “link troppo vicini”, “testo troppo piccolo”, etc…

Google consiglia le seguenti piattaforme per la creazione di nuovi siti: WordPress, Joomla, Drupal, Blogger, vBulletin, Tumblr, DataLife Engine, Magento, PrestaShop, Bitrix, e Google Sites. Google fornisce, inoltre, una guida dedicata per ciascuna di queste piattaforme. .

Google dà anche delle linee generali sulle operazioni da svolgere :

  • backup del sito prima di apportare modifiche,
  • aggiornare il CMS alla versione più recente,
  • assicurarsi che i temi che si vogliano utilizzare siano mobile-friendly
  • consultare forum di supporto per il proprio CMS verificare eventuali problemi venuti a galla.

 

“Progetta il tuo sito per contribuire a rendere più facile, per il cliente, il completamento dei loro compiti più comuni: assicurarsi che siano facili da completare su un dispositivo mobile. Provare a semplificare l’esperienza e ridurre il numero di interazioni con l’utente. “

Il 21 aprile 2015 si avvicina e se hai bisogno di rendere il tuo sito web pienamente fruibile su dispositivi mobili, puoi sempre rivolgerti a professionisti del settore, i consulenti Teutra.

Ispirato e liberamente tradotto da questo articolo