Realizzare siti web con WordPress


A chi interessa realizzare un sito web?

In questo articolo ti parlerò di come realizzare siti web con WordPress. Per quale motivo si ha la necessità di costruire un sito web? Chi si cimenta con l’esperienza di realizzare e mantenere aggiornato un sito web?

Principalmente due categorie di persone. La prima è quella del blogger, cioè persone che vogliono condividere sul web opinioni e passioni. Normalmente non si ci imbarca in questa esperienza con l’obiettivo di fare soldi e questo giustifica il fatto che si ci improvvisi webmaster per realizzare il sito web a costi molto contenuti.

La seconda categoria è costituità da coloro che vogliono utlizzare le opportunità che l’enorme mercato rappresentato da internet, offre. Quindi parliamo di aziende grandi e piccole, commercianti, artigiani, professionisti, etc… 

In questo secondo caso sconsiglio soluzioni fai da te (evita anche il cugino smanettone e l’amico che ti fa il sito gratis). Quando vai sul web con la tua attività, grande o piccola che sia, non puoi permetterti improvvisazione o scarsa professionalità. E’ l’immagine della tua azienda quella che metti in rete, non puoi permetterti di dare un’immagine approssimativa. Rivolgiti a professionisti del settore, gente che realizza siti web di mestiere e non come secondo lavoro.

Da HTML e Php ai CMS

Negli ultimi anni per la realizzazione di siti web professionali, si è passati da una soluzione artigianale, cioè la stesura riga per riga di codice html e php, a soluzioni più pratiche e veloci, tali sono i software per la gestione dei siti web detti CMS (Content Management System).

I CMS sono ormai diventati uno standard mondiale e uniscono alla semplicità di utilizzo un ottimo livello di affidabilità. All’avanguardia sia graficamente che tecnicamente, grazie ai pannelli di amministrazione estremamente amichevoli, anche coloro che non hanno grande dimestichezza con l’informatica e con internet possono tranquillamente utilizzare e mantenere aggiornato un sito web realizzato con un CMS.

WordPress si è evoluto con il tempo attraversando varie release: dalla versione 3, alla versione 4 denominata Benny, fino alle ultime versioni odierne. Gli esperti del settore hanno contribuito poi allo sviluppo dei CMS, creando delle comunità di supporto (forum) gratuite e di alto livello.

Perchè realizzare siti web con WordPress

Pur non essendo l’unico, WordPress è il CMS più famoso ed utilizzato nel mondo. E’ gratuito e permette di gestire il proprio sito web in maniera semplice e veloce, senza dover conoscere i linguaggi di programmazione come HTML e Php. Ha un interfaccia grafica molto intuitiva e semplice da utilizzare.

Con qualche clic di mouse si riescono a realizzare pagine, articoli ed interi siti web. Vediamo un poco più nel dettaglio quali sono le ragioni di questo successo.

Semplicità di utilizzo

WordPress è nato proprio con questo obiettivo: assistere l’utente nella gestione dei propri contenuti, semplificandone tutte le fasi per la creazione, modifica ed eliminazione degli stessi. E ribadisco che non è uno strumento per guru dell’informatica.

Ti faccio un esempio. Poniamo che tu stia partendo con un’attività commerciale. Probabilmente hai bisogno di un sito web. Dopo aver contattato una web agency (ricordati di Teutra in questo caso :-) e aver discusso con loro le caratteristiche tecniche e grafiche del tuo sito, ottieni il tuo sito web, affidabile, bello esteticamente e con tutte le tecnologie di ultima generazione.

Resta pero’ un problema: i contenuti o meglio, l’aggiornamento dei contenuti. Se vuoi essere presente nelle prime pagine dei motori di ricerca, i contenuti sono il tuo sacro graal. Se vuoi mantenere bassi i costi è probabile che tu voglia gestire in autonomia i contenuti del tuo sito, ad esempio attraverso un blog.

Con un blog puoi scrivere articoli su argomenti che interessano la tua nicchia di business e mantenere aggiornata la tua amata clientela con le ultime novità aziendali. Con wordpress è molto semplice mantenere aggiornato il tuo blog aziendale.

Flessibilità

Con WordPress si possono creare varie tipologie anche diverse di siti web. Blog, siti vetrina, e-commerce, siti web con blog, Social Network, Forum. Giusto per rendere l’idea Flickr, eBay, CNN sono siti creati utilizzando WordPress.

Temi

WordPress dà la possibilità di cambiare l’aspetto grafico del sito con un solo click di mouse, grazie alla voce Temi. Certo se il tuo sito web è complesso, è probabile che cambiare tema non sia sufficente affinchè tutto funzioni al primo colpo ma per siti più semplici, cambiare il tema non porta a grossi problemi.

Vi sono tantissimi tipi di temi, sia gratuiti che a pagamento; è davvero difficile non trovare quello che fa al caso proprio. Tra i tanti temi a pagamento vi segnalo Divi di Elegant Themes, che utilizziamo anche noi di Teutra, e Themeforest che offre centinaia di temi, davvero per tutte le tipologie di business. Inoltre wordpress offre centinaia di temi gratuiti. Molti li puoi trovare al suo interno, altri su vari siti web come ad esempio questo.

Supporto

WordPress è il CMS più utilizzato al mondo. Quale è il vantaggio? Una community enorme. Chi utilizza WordPress può facilmente trovare la risposta ai propri problemi, perché senz’altro qualcun altro, anche dall’altra parte del mondo, si sarà scontrato con il medesimo quesito. Per l’italia oltre ai gruppi di discussione presenti e molto frequentati sui social, vi segnalo una delle prime e più complete comunity su wordpress: wordpress italy.

Velocità

Realizzare siti web con wordpress offre anche un vantaggio dal punto di vista della velocità di caricamento delle pagine. WordPress è pensato per essere il più “leggero” possibile, ma allo stesso tempo da la possibilità di estendere le potenzialità del sito web creato attraverso gli infiniti Plugin offerti.

Il tempo di caricamento di una pagina web è uno dei parametri che Google utilizza nella valutazione di un sito web. Per questo motivo è importante che il nostro utente si veda caricare la nostra pagina molto velocemente sul suo dispositivo smartphone, tablet o PC. Esistono in wordpress dei plugin per memorizzare la cache e ridurre i tempi di caricamento delle pagine.

Seo Friendly

WordPress è ottimizzato per i motori di ricerca; la realizzazione di siti in wordpress garantisce, tramite i numerosi plugin esistenti, la garanzia di un supporto SEO di base per tutti, anche per coloro che stanno muovendo i loro primi passi nell’ ambito della Search Engine Optimization. Certo è un punto di partenza necessario ma non sufficiente a raggiungere obiettivi di rilievo se si parla di visibilità sui motori di ricerca. Per quello è sempre necessario consultare un consulente SEO.

Integrazione con i Social Network

La diffusa pratica di realizzare siti web con WordPress permette grazie ai numerosi plugin di cui dispone, di inserire collegamenti veloci alle proprie pagine dei Social Network. Oltre a semplici collegamenti, esistono anche decine di plugin che permettono l’inserimento di badge o box delle proprie pagine social come ad esempio Facebook members. Inoltre è possibile condividere con i propri contatti social, le esperienze di navigazione della rete.

Aggiornamenti continui e sicurezza

Proprio perché WordPress è il CMS più utilizzato al mondo, non può che essere sempre aggiornato e attento alla sicurezza.

Passiamo adesso all’analisi dei software aggiuntivi (Plugin) di WordPress, nel dettaglio ci soffermeremo su alcuni Plugin che ottimizzano la struttura del sito web ai fini dell’ottimizzazione SEO.

Ho scritto un altro articolo sui plugin che debbono essere utilizzati per ottimizzare il tuo sito wordpress che vi invito a leggere. Tra le migliaia di plugin esistenti per WordPress, vorrei segnalarvi quelli di Yoast di proprieta’ di Joost de Valk, che ha fatto di una passione, un mestiere. I suoi lavori sono molto apprezzati nell’ambiente SEO e WordPress: ve ne presento alcuni.

WordPress SEO di Yoast

Questo Plugin, scaricabile da qui, sicuramente il più famoso tra quelli ideati da Yoast, rappresenta uno strumento potente e completo per l’ottimizzazione SEO. Il vero vantaggio di questo Plugin è rappresentato dal fatto che gli sviluppatori sono molto aggiornati sulle novità che vengono introdotte da Google via via e quindi lo tengono sempre aggiornato e al passo coi tempi.

News SEO di Yoast

Consente di creare facilmente la sitemap con i parametri richiesti da Google News, scaricabile da qui.

Local SEO di Yoast

Consente di gestire la creazione del file KML, la Geo Sitemap, i microformati per l’indirizzo e l’inserimento della Google Maps. Ulteriori info alla pagina del plugin.

Video SEO di Yoast

Plugin a pagamento che consente di ottimizzare in modo semplice il codice HTML quando si inseriscono dei video nelle pagine web. Grazie ad esso, possiamo richiamare i video da YouTube e, nel momento in cui appaiono in SERP con la miniatura, l’utente che cliccherà verrà rimandato sul sito web e non su YouTube. La pagina del plugin

Per concludere, vi lascio con l’indicazione di un plugin scaricato milioni di volte e pur non essendo della famiglia Yoast, è di una qualità molto apprezzabile.

All in one SEO pack

Questo Plugin offre potenzialità inferiori rispetto a quelli di Yoast, pur permettendo di modificare solo gli aspetti strettamente fondamentali, rimane un prodotto valido e di facile utilizzo. Anche per questi motivi è il Plugin più scaricato da milioni di utenti. Teutra è specializzata nella realizzazione siti web Torino.

E tu, cosa ne pensi di WordPress? Lo utilizzi ? Usi altri plugin ? Raccontaci la tua esperienza.

 

Restyling di un sito web



Il restyling di un sito web è un’attività molto importante che molto spesso, viene sottovalutata o ignorata.

Il sito web è l’immagine aziendale sulla rete internet, la cosi detta vetrina.

Cosi come, di tanto in tanto, si rinnovano le vetrine dei negozi, anche il sito web aziendale ha bisogno di aggiornamenti periodici.

Detto questo, con che frequenza bisogna riprogettare un sito web e per quali motivi ?

Il restyling di un sito web comporta in genere, l’aggiornamento dell’aspetto grafico per allinearsi alle tendenze attuali del design.

Tuttavia ci sono in realtà altre due ragioni per la riprogrammazione di un sito web.

  1. Migliorare l’esperienza utente con una particolare attenzione per le conversioni
  2. Migliorare la tecnologia per semplificare la creazione di contenuti

Restyling di un sito web e la User Experience

Ogni singola pagina di un sito web dovrebbe essere considerata come un messaggio pubblicitario.

Ogni pagina deve avere sia un pubblico che un obiettivo. La prima realizzazione di un sito web di solito avviene in fase di start-up aziendale: è il momento in cui gli obiettivi di business aziendali sono ancora in fase di sviluppo.

Se il business cresce,  l’azienda comincia ad offrire più servizi e prodotti.

Questa crescita ha come conseguenza sul sito, un aumento di pagine che a lungo andare, può rendere difficile la navigazione.

Se un navigatore incontra informazioni ripetitive o peggio non riesce a trovare ciò che cerca perché nascosto in qualche menù periferico, ecco che c’è il rischio che abbandoni il sito per cercare le informazioni di cui ha bisogno sul sito della concorrenza, graficamente più aggiornato e meglio navigabile.

Se il business cresce, è probabile che il sito debba essere ridisegnato avendo la user experience bene in mente. Il business è in crescita, di conseguenza la spesa è giustificata.

Ridisegnare per miglioramenti tecnologici

La tecnologia Web si muove velocemente. Solo un paio di anni fa i social media non avevano il peso che hanno oggi nella diffusione di messaggi, anche pubblicitari.

Il classico esempio è quello della pubblicità televisiva. Anche le grandi marche, quelle che spendono milioni di euro ogni anno per la pubblicità in TV, non  mancano di inserire i loghi dei principali social media, Facebook, Twitter e Google+, nei loro spot pubblicitari.

Se il sito web della vostra azienda non ha riferimento alle pagine social aziendali è molto probabile che stiate perdendo una importante opportunità di business.

Altro esempio: il responsive design. Oggi non è più pensabile realizzare un sito web ignorando la grande popolarità e diffusione di tablet e smartphone.

Dal 21 aprile 2015, Google ha disposto delle penalizzazioni nei risulati delle ricerche a tutti quesi siti web che non permettono una navigazione ottimale per qualsiasi dispositivo grafico. In pratica tutti i contenuti debbono essere fruibile su ogni schermo: dal PC allo smartphone al tablet.

Costi per il restyling di un sito web

I costi necessari per il restyling di un sito web saranno ovviamente proporzionali a quanto viene cambiato. Ad esempio, ridisegnare il look costerà meno che cambiare la tecnologia che alimenta il sito web. Il modo migliore per preparare un progetto di restyling di un sito web è di avere obiettivi chiari:

  • Ridisegnare le pagine dei prodotti per aumentare il numero di richieste di informazioni che otteniamo utilizzando i moduli di contatto.
  • Realizzare pagine di destinazione differenti per differenti prodotti nel caso si voglia realizzare una campagna pay per click.
  • Ottimizzare le pagine dei prodotti per la navigazione mobile in modo dal migliorare la call to action.

Questi sono solo alcuni esempi ma ce ne possono essere tanti altri, la cosa importante è che gli obiettivi per cui si da vita ad un restyling di un sito web siano chiari e definiti.  

Se il vostro sito web sente il peso degli anni provate a contattare Teutra per migliorare l’aspetto grafico e funzionale del vostro sito web.

 

 

 

Sito web fai da te, web agency o freelance? Quale scegliere ?


Realizzare un sito web

L’argomento di questo articolo lo possiamo definire come “sito web fai da te” ovvero chi meno spende più spende. Il lavoro di realizzazione di un sito web può sembrare semplice per chi conosce internet e i suoi meccanismi e strumenti ma per chi si occupa di altro e non di nuove tecnologie può sembrare un processo confuso, difficile da capire.

Il piccolo imprenditore che vede internet come un’opportunità di business affiancabile ai metodi di vendita tradizionali, si trova spesso e volentieri di fronte alla domanda: “a chi rivolgersi per la realizzazione del mio sito web aziendale?”.

Sul web, l’offerta è enorme: dal sito web fai da te, al professionista freelance fino ad arrivare alla web agency e tutto questo genera confusione in chi deve fare una scelta. Se siete completamente a digiuno per quanto riguarda internet, proviamo a chiarire un paio di concetti che vi possono aiutare a scegliere la via giusta in base alle vostre necessità.

La soluzione “sito web fai da te”

Uno dei metodi più facili e meno costosi per la realizzazione di un sito web è utilizzare quei software online che vi guidano alla creazione del sito, passo per passo, in maniera automatica.

Questi software permettono a chiunque di realizzare eccellenti siti web. Progettato con funzionalità user friendly, che garantiscono processi semplificati e ottimi risultati, il software vi permetterà di scegliere alcuni dettagli del vostro sito, come i disegni a colori, layout di pagina e in base a queste scelte, il sistema costruirà autonomamente il vostro sito web.

Uno dei principali vantaggi di questo approccio è che non è necessario avere conoscenze tecniche come, ad esempio HTML, PHP o anche graphic design, per costruire un sito di ottima qualità. L’altro vantaggio è il costo molto contenuto. Di seguito una lista di alcuni software tra i migliori

E’ una buona scelta se si ha il tempo e la voglia di mettersi a studiare il funzionamento del software, capire con quali procedure ottenere un layout grafico, una navigabilità e una funzionalità in linea con l’immagine aziendale che si vuole dare. Spesso, però, il risultato ci fa capire che non si possono realizzare le personalizzazioni di cui abbiamo bisogno, e che è meglio percorrere altre strade. Vi invito a riflettere bene prima di percorrere la strada del sito web fai da te, può essere dispendiosa in termini di tempo e non portarvi verso il risultato sperato.

La soluzione web designer freelance

Una ulteriore possibilità è quella di avvalersi della consulenza di un web designer freelance, un professionista che ha le capacità e le competenze per realizzare qualunque tipo di sito web.

Ci sono tanti buoni web designer freelance disponibili attraverso internet. La maggior parte di loro si presenterà come esperti del settore ma, per la maggior parte dei casi, non vi è modo di certificarlo.

E’ necessario fare una valutazione approfondita di ognuno di loro prima di stabilire un contatto. Soprattutto, si dovrebbe dare uno sguardo ai siti web che hanno costruito per avere una sensazione del loro lavoro.

Si dovrebbe anche accordarsi prima su risultati finali, sui vostri obiettivi, per non avere sorprese. La soluzione del freelance va preferita in termini economici poichè il singolo professionista non ha i costi di una web agency e di conseguenza la sua consulenza ha un costo minore.

La soluzione web agency

L’ultima opzione disponibile per la costruzione di un sito web è quello di assumere una società di web design, la cosi detta web agency. Esse lavorano assemblando il lavoro di un gruppo di professionisti in diversi settori del web design e dello sviluppo del codice, in modo da soddisfare efficacemente diverse esigenze del mercato.

Le web agency offrono le migliori opzioni per la progettazione di un sito di qualità, la loro esperienza nel trattare con molti clienti, è una garanzia. Di certo il costo di un progetto portato avanti con una web agency può essere superiore in relazione altre opzioni ma anche la qualità del risultato sara’ proporzionale allo sforzo economico sostenuto.

 

Come ottenere visite al sito web

Traffico, visibilità e business

Qualunque sia l’obiettivo di un sito web è inutile se non ha traffico e per ottenerlo, occorre essere presenti su Google. Qualcuno potrebbe dirti che esistono altri motori di ricerca, Bing, Yahoo, etc… Non dare retta. Google è l’unico motore di ricerca che conta.

Se vuoi ottenere visite sul web, devi essere presente su Google e se vuoi essere presente su Google, devi giocare con le loro regole. Per questo motivo ho scritto quest’ articolo con alcuni utili suggerimenti per ottenere visibilità su Google.

Verifica il sito con Search Console (ex Google Webmaster Tools)

Comunica a Google e verifica, utilizzando Search Console (ex Google Webmaster Tools), di essere il proprietario del sito. Nella maggior parte dei casi, è sufficiente caricare un file HTML sulla root del tuo dominio.

Il Webmaster Tools è uno strumento potentissimo per analizzare l’andamento del tuo sito web. Infatti mette a disposizione applicazioni molto utili come, ad esempio,

  • le query di ricerca per capire con quali chiavi di ricerca il tuo sito viene trovato su Google,
  • lo stato di indicizzazione delle tue pagine,
  • l’elenco delle pagine più viste del tuo sito,

ma anche tanto, tanto in più. Insomma una specie di navigatore che ti accompagna e ti suggerisce la strada giusta da percorrere.

webmaster tools

Backlinks

I backlinks e cioè il link che puntano al tuo sito da altri domini, rimangono il principale indicatore di popolarità del tuo sito web. E’ anche uno dei modi che Google ha a disposizione per scoprire nuovi siti web.

Quando il Googlebot, il software di Google che scansiona continuamente la rete, incontra il collegamento ad un dominio mai visto prima, lo aggiunge al suo database in modo da visitarlo, la prossima volta. Ottenere backlinks di qualità è un ottimo punto di partenza. Relazionati con altri blogger e forum della tua nicchia, interagisci con loro e cerca di ottenere link verso il tuo dominio.

Puoi utilizzare siti come ahrefs o majestic seo per vedere chi sta linkando il tuo dominio. Non comperare backlinks, Google prima o poi lo scoprirà e ti penalizzerà.

Authorship

Sicuramente ne hai sentito parlare e comunque se ne parla e se ne parlerà poiché Google ha deciso di puntare molto sulla Authorship per verificare la qualità dei contenuti di un sito web. La cosa da fare è avere un profilo personale su Google+ collegarlo al programma di authorship di Google. Fatto questo nei risultati delle ricerche comincerà a comparire la tua faccia, verrai riconosciuto come autore dell’articolo. Più articoli interessanti e di qualità scriverai e più aumentera’ la tua authorship. Questo meccanissmo non garantisce da solo il posizionamento ma inserire la propria faccia nei risultati della ricerca, ha sempre un bell’effetto gratificante.

serp

Sitemaps e pinging

Se rendi più facile il lavoro a Google, Google ti ricompenserà. Fornire a Google una sitemaps, magari utilizzando uno dei vari tools presenti in rete, come xml-sitemaps è un’ottimo aiuto. Il sitemaps facilita’ il lavoro dei bot poiché fornisce loro informazioni sulle pagine del tuo sito, quante sono, quando sono state aggiornate, la loro importanza. Collegare la sitemaps a Webmaster Tools è un’ottima idea. Inoltre utilizza uno strumento di Ping per comunicare a Google che è avvenuto un cambiamento sul tuo sito. Non hai alcuna garanzia che la tua modifica venga indicizzata subito ma è meglio che non fare nulla.

Content is King

La qualità del contenuto del sito e la sua originalità sono fondamentali. Se copi un articolo, Google prima o poi se ne accorge e ti penalizza. La qualità dei contenuti è fondamentale per acquisire nuovi lettori. In genere, un navigatore che giunge su una nuova pagina web, impiega una media di 7 secondi per decidere se restare o virare verso altri lidi. In questi 7 secondi se la lettura provoca una impressione positiva, i contenuti sembrano essere interessanti, ben scritti, aumenta la probabilità che il navigatore diventi lettore, e magari anche cliente. Inoltre, chi linkerebbe un articolo scritto male, poco interessante e, magari, anche copiato?

No Cheating

Un ottimo modo per essere penalizzati e/o bannati da Google è l’acquisto spam di backlinks. Provate a immaginare la situazione. Se il vostro sito web ha 5 backlinks in 6 mesi di vita e, improvvisamente, passa da 5 a 105 backlinks in un giorno solo, chiunque capirebbe che i 100 backlinks in un giorno non sono stati prodotti in maniera naturale. Si, Google lo capirà….

Se avete altri suggerimenti, mi farebbe piacere leggerli nei commenti :-)

 

Domain Authority e valutazione autorevolezza sito

Che cosa è il Domain Authority ?

Una famosa pubblicità degli anni Settanta recitava: “Le stelle sono tante, milioni di milioni”, cosi come “milioni di milioni” sono i siti web esistenti. Ogni singola cosa, ogni argomento a cui si può pensare, ogni nicchia esistente è, oggi, presidiata da centinaia, migliaia di siti web.

Per ogni singola ricerca, Google fornisce sempre una pagina con almeno 100 risultati. Ma come fanno i motori di ricerca a decidere qual è il sito web migliore, in termini SEO (onsite e off-site)? In base a cosa viene costruita la SERP, la lista dei risultati di una qualsiasi interrogazione di Google? Uno degli elementi utilizzato per questa scelta è un indice, il Domain Authority, o più semplicemente DA.

Il Domain Authority di un sito web è un valore calcolato su una scala logaritmica da 0 a 100,  che può essere definito come la previsione di come un sito web si esibirà nel motore di ricerca rispetto ad altri siti web. La scala logaritmica ci da, inoltre, l’indicazione di come sia più semplice passare da 10 a 20 rispetto al passare da 20 a 30.

Un po’ di storia

Il Domain Authority è stato introdotto da un sito web molto noto sulla scena SEO, che va sotto il nome Seomoz.com, ora Moz.com.  Moz ha capito la necessità di creare una forma di valutazione che fosse comune per tutti i siti web.  Il DA di ogni singolo sito web è determinato mediante l’esecuzione di una procedura che valuta ogni aspetto del sito, utilizzando gli attuali algoritmi di ricerca di Google.

Durante questo processo, un sito web viene sottoposto a 40 test, che può superare o fallire, a seconda della struttura del sito e della corrente versione dell’algoritmo di Google. In base al superamento di questi test, si forma un valore:  il Domain Authority. Questo significa che il DA di ogni sito Internet cambia nel tempo, in relazione  alle modifiche apportate al sito web e a quelle  apportate all’algoritmo di ricerca di Google.

Il Page Authority

Mentre stiamo discutendo di Domain Authority, vorrei introdurre un altro termine: il Page Authority, o PA. Ora sappiamo che il DA prende in considerazione il potenziale dell’ intero sito web, mentre il Page Authority determina lo stesso tipo di valutazione, ma per ogni singola pagina di un sito web.

Come controllare il proprio DA e PA ?

Per controllare DA e PA del proprio sito web, è possibile utilizzare il mozBar ufficiale o semplicemente usare Google per trovare un altro strumento che usa l’algoritmo Moz per fare la stessa cosa.

Il sito Moonsy, ad esempio, verifica sia il Domain Authority che il Page authority di qualunque sito web.

Come costruire il Domain Authority del proprio sito ?

Questa è una domanda che, leggendo questo articolo, verrà  in mente. “Come posso costruire il Domain Authority per il mio sito web?” Costruire DA è un processo molto complesso. Il motivo è che non si può lavorare sulla costruzione del DA direttamente. DA così come PA dipendono  da centinaia di fattori, e bisogna migliorare questi fattori per migliorare l’autorità del dominio.  Alcuni degli elementi che contribuiscono  a formare l’Autorità di dominio sono noti, altri sono un brevetto di Google:

  • Do-follow backlinks
  • No-follow backlinks
  • .edu and .gov backlinks
  • Alexa Rank
  • Content Quality
  • Keyword Optimization
  • On-site Optimization
  • MozTrust
  • MozRank
  • Social Presence/Mentions

Per meglio dire, questi sono quelli che la quasi totalità degli esperti SEO reputa per certi. Per un approfondimento, è possibile leggere l’articolo originale, in lingua inglese a questo URL.