Gli indicatori per monitorare una strategia SEO

Per un consulente SEO, ottimizzare un sito e portarlo nelle prime pagine dei motori di ricerca non è mai un punto di arrivo. È necessario, infatti,  monitorare costantemente l’efficacia delle azioni intraprese per capire cosa funziona e cosa non funziona. Se una particolare azione funziona bene occorre, se possibile, incrementare le energie spese in quella direzione.
Se, al contrario, alcune strategie non funzionano, dopo un ragionevole lasso di tempo, è meglio abbandonarle. In questo articolo vi mostro cinque indicatori da tenere costantemente sotto controllo per stabilire se le cose stanno funzionando per la vostra strategia SEO.

1. Controllare il traffico da ricerca organica (motori di ricerca)

Il traffico arriva da varie fonti, ma è possibile determinare quanto ne arriva dalla ricerca organica e quanto no. sessioni google analytics

Se utilizzate Google Analytics e avete inserito il codice di riferimento del vostro sito su tutte le vostre pagine,  si può facilmente vedere quanto del vostro traffico proviene da una ricerca organica.

Aprite Analytics e cliccate su “Acquisizione”, e poi, “Canali”. Questa videata vi mostrerà quanto del vostro traffico è

  • Direct: diretto, arriva cioè da chi già conosce il vostro sito, il vostro brand.
  • Referral: da fonti di riferimento, cioè da siti web dove è presente un link che punta al  vostro sito.
  • Social: dai social media
  • Organic Search: dalla ricerca organica.  Se questo ultimo numero non è in costante crescita, è necessario capire perché. 

2 Engagement

L’obiettivo di ogni sito web è quello di ottenere visite. Per raggiungere questo obiettivo i vostri visitatori debbono apprezzare quello che fate. Se questo accade o no, lo potete misurare attraverso il tempo che i visitatori stanno sulla pagina.

Se un visitatore sta sulla vostra pagina meno di 20 secondi “rimbalzando” fuori, significa che non sta apprezzando il vostro lavoro. La frequenza di rimbalzo delle vostre pagine e del vostro sito web, è un indicatore SEO molto significativo e da tenere senz’altro in considerazione.

Se questo valore è alto bisogna capire perché i visitatori “rimbalzano” su altri siti. La vostra scrittura è noiosa ? Si stanno usando immagini per aumentare l’interesse della pagina ? I vostri contenuti sono utili e importanti per la vostra nicchia ?

3 Backlinks 

I backlinks sono ancora di fondamentale importanza quando si tratta di SEO. Se nessuno segnala la vostra pagina dandogli un backlink, si stanno perdendo o non guadagnando posizioni sui motori di ricerca. Si dovrebbe avere un metodo costante per ottenere backlinks e si dovrebbe fare in modo che i backlinks sembrino ottenuti in maniera “naturale”.

Google in realtà non vuole che vengano raccolti backlinks in maniera non naturale. Odiano gli schemi per raccoglierli, che cosa fare, allora ? Per esempio non puntare ad ottenere backlinks solamente da siti con authority/rank più alto del vostro.

Ogni tanto un backlink da un sito con minore authority/rank renderebbe il tutto più naturale agli occhi di Google. Stesso discorso per i link “nofollow”. Miscelate link “dofollow” con qualche “nofollow”. Possedere solo link “dofollow” e pretendere di fare credere a Google che siano tutti naturali è pura illusione.

Un’ultima cosa, ricevere molti backlinks in un breve lasso di tempo potrebbe fare suonare più di qualche campanello di  allarme negli uffici di Google. Come si sa, Google odia i backlinks acquistati.

 

4. Da dove provengono i vostri visitatori ?

motori-di-ricercaI vostri visitatori arrivano da Google o da altro motore di ricerca? In Italia è noto che la stragrande maggioranza delle ricerche avviene su Google ma, per alcune nicchie, si potrebbe scoprire che i visitatori provengono da altri motori di ricerca.  Se questo è il caso, bisogna cercare di ottimizzare secondo le direttive di altri motori di ricerca e non con quelle di Google. 

E da che paese arrivano i tuoi visitatori ? Molti arrivano dall’estero ? In questo caso occorre valutare l’opportunità di tradurre i contenuti anche in altre lingue. 

5 State vendendo ?

Questo consiglio non si applica a tutti, è indirizzato, piuttosto alle vendite online, agli e-commerce.

Quali parole chiave stanno facendo vendere ? Qual è il tasso di conversione? 

Più pagine si mettono online per vendere i vostri prodotti e meglio è. Ma state testando quali sono le parole chiave che funzionano e i prodotti che vengono di conseguenza venduti, e quali no ? Avete un’ idea di cosa funziona e di cosa non funziona ? Sbarazzatevi di tutto quello che non sta portando business.

 

Conclusioni

Alcuni parametri sono molto importanti per il vostro business, non solo in termini di ricerca, ma in termini di vendite! Se non state monitorando queste 5 statistiche , almeno ogni giorno / settimana / mese, vi state perdendo un sacco di traffico e di affari.

Creo un foglio di calcolo per ognuno dei miei clienti per monitorare queste statistiche, il che mi aiuta a vedere come stiamo progredendo ogni settimana. Provare per credere! 

 

 

The following two tabs change content below.
Mi chiamo Melchiorre Schifano è sono un SEO e Web Designer o in altre parole, realizzo siti web moderni e compatibili con le moderne tecnologie e li ottimizzo secondo le regole dettate dai motori di ricerca. Se ti è piaciuto questo articolo condividilo sui social; a te non costa niente ma per me sarebbe un segnale di apprezzamento per il mio lavoro :-)